Ipnosi Eriksoniana

Ipnosi Eriksoniana Cremona

Ambiti d'intervento

Ipnosi Eriksoniana

Nasce con Milton Erickson, da qui il nome, che, tra il 1920 e il 1970 , l’ha assunta come vero e proprio metodo terapeutico.

L’ipnosi ericksoniana si distingue da quella classica (caratterizzata da un aspetto manipolatorio e spettacolare), per dare potere alla persona, alle sue risorse e alla sua relazione con l’ipnoterapeuta.

La persona, a differenza di quella classica, è parte attiva, partecipe e dotata di risorse e abilità autoipnotiche. In questo modo, l’ipnoterapeuta non fa altro che aiutare la persona ad osservarsi e
riconoscersi per le proprie capacità, risorse e caratteristiche che le sono proprie, tra cui, appunto, la capacità di entrare in trance.

In questo percorso, è fondamentale l’osservazione, in quanto ogni piccolo o grande movimento del corpo della persona permette all’ipnoterapeuta di cogliere piccoli indizi inconsci e per far sentire la
persona stessa avvolta in un contesto di cure e attenzioni. In questo modo, la persona impara a vedere se stessa con lo stesso interesse e intensità del terapeuta.

Il concetto di trance o stato ipnotico è un aspetto naturale e normale della vita di tutti i giorni delle persone (basti pensare a quando, completamente immersi nei nostri pensieri o completamente assorbiti in una canzone o in un ricordo, ci dimentichiamo del mondo circostante...anzi, quasi non ne sentiamo neppure i suoi suoni, i rumori e ci facciamo cullare da questo stato alterato di coscienza)...Per questo, quando si fanno induzioni o sedute di ipnoterapia, è essenziale partire dalcomportamento della persona e dal suo contesto di riferimento, in  quanto, questi, non sono visti come impedimenti per la risoluzione del disagio o del sintomo ma parti costituenti intorno ai quali arrivare ad attingere risorse che già esistono nell’inconscio.

Per cui, entrare in trance non è altro che favorire e permettere uno stato di alterazione della coscienza che la persona esperimenta già durante la vita di tutti i giorni.

La problematica, il disagio o le difficoltà portate dalla persona sono quindi parte della persona stessa, e, in quanto tali, accolte, rispettate e onorate. E questa è una modalità pratica che aiuta concretamente la persona a raggiungere risultati più velocemente e al tempo stesso coerenti con la complessità e i suoi valori di riferimento.

Questa tecnica non dimostra altro all’utente che egli è completamente accettabile e che il terapeuta può trattarlo in modo favorevole nonostante le sue problematiche. Ed è proprio questa esperienza di
riassociazione e riorganizzazione di significati ai propri disturbi e sofferenze e della propria vita esperienziale, che la persona arriva alla completa guarigione dai propri sintomi e disagi.

Ogni attimo del percorso di terapia ipnotica ericksoniana è cucito su misura della persona, dei suoi problemi, delle sue risposte, del suo comportamento, delle sue personali caratteristiche che si esprimono in quel preciso istante di fronte al terapeuta.

Il momento decisivo del cambiamento e della guarigione avviene non durante l’induzione, come potrebbe apparire, ma quando meno la persona se l’aspetta...Durante l’induzione ipnotica (la cui efficacia è stata riportata scientificamente), l’utente viene immerso in uno stato alterato di coscienza, in cui la parte razionale, diremmo, “va in  vacanza”...Tutto è compiuto dalla parte inconscia, la quale, già nell’induzione, va alla ricerca della chiave per trovare la soluzione al
problema stesso. E, anche se la persona, terminata la seduta, potrebbe già sentirsi meglio, in realtà, la completa guarigione avviene quando meno se l’aspetta...Nel momento in cui noi non prestiamo più ascolto alla nostra parte razionale-conscia, la nostra parte inconscia, che è quella responsabile, nostri disagi, dei nostri sintomi, continua a lavorare, andando alla ricerca, all’interno di essa anche della soluzione stessa dei nostri problemi e sofferenze. E così noi ci sentiamo meglio e
usciamo completamente dai nostri disagi.

L’Ipnosi ericksoniana è stata valutata molto efficace e proficua nel curare disturbi d’ansia, attacchi di panico, depressione, disturbi alimentari, dipendenze da alcool e fumo, e molte altre patologie che,
con mere sedute di psicoterapia, non avevano dato gli stessi efficaci , validi risultati.

Dott.ssa Federica Antonia Ferrari
Psicologa Psicoterapeuta a Cremona (CR)

Dott.ssa Federica Antonia Ferrari

Psicologa Psicoterapeuta

Partita IVA 01487450197
Iscrizione all’Albo degli Psicologi del Veneto n°7259, Iscrizione all’Albo degli Psicoterapeuti della Lombardia

Info
  • Via XXIV Maggio, 19, 26022 Castelverde (CR)
    Via Cossa, 2/4 - 25135 Brescia (BS)
    Via Valla, 16 - 20141 Milano (MI)
  • psicoter.ferrari@libero.it